English Francese Italiano Deutsch

La Vinificazione


Quando i carri arrivano in cantina inizia una nuova fase di lavoro. Le cassette sono scaricate ad una ad una, i grappoli vengono pigiati e gli acini separati dai raspi. Gli acini stessi e le polpe che si fossero nel frattempo spappolate, assieme a bucce e vinaccioli, vengono immerse nelle presse, che provvedono a separare in modo soffice il mosto da vinacce e vinaccioli.

Il 70% dell'uva in peso diventa mosto, ma solo dal cuore dell'acino esce il mosto fiore, il più pregiato, che seguirà la strada della spumantizzazione oppure quella del vino tranquillo di qualità. Il lavoro frenetico che segue la vendemmia è terminato e il mosto fiore di Prosecco riposa nei grandi serbatoi in acciaio inox termocondizionati a bassissima temperatura, tra i 5°C e 10°C. Bastano 10/12 ore perché le impurità presenti nel mosto scendano verso il fondo della vasca, lasciando limpida la massa restante. Proprio la parte purificata viene aspirata da apposite bocche poste ad altezze variabili dal fondo e avviata alla fermentazione in nuovi appositi serbatoi in acciaio inox.

Nei serbatoi il mosto aggiunto ai fermenti naturali pian piano diventa vino. Gli zuccheri, aggrediti dai fermenti vivi, si trasformano in alcool e in anidride carbonica. Il processo è lungo e delicato, controllato da sensori intelligenti che trasmettono istantaneamente i dati ad un computer nella centrale di controllo della cantina.

Ogni vasca contiene il mosto d'uve proveniente dallo stesso vigneto in modo che, al termine del processo fermentativo, ogni partita mostri in maniera evidente le proprie caratteristiche ed offra all'enologo i profumi e gli aromi in purezza.

Il Prosecco comincia dunque il cammino della sua vita, ma non è ancora pronto: ha bisogno di maturare ed esprimere al meglio i suoi profumi.

Un tempo si attendeva il tardo autunno e l'inizio dell'inverno, auspicando il mantenimento delle basse temperature esterne, per favorire la naturale precipitazione delle residue impurità. Oggi gli impianti termo condizionati consentono di controllare il processo di corretta maturazione evitando i danneggiamenti. Verso la fine dell'anno il vino Prosecco si presenta finalmente limpido ed è pronto per essere imbottigliato oppure per essere conservato e avviato alla spumatizzazione.